Non mandate in vacanza il vostro senso di responsabilità per l’ambiente

Il Natale è passato, Santo Stefano pure, ma le feste non sono ancora finite. In questa atmosfera magica ricca di decorazioni e doni, tra feste e tavole imbandite, tra regali e cenoni, i consumi, per lo più legati ai momenti conviviali, tendono ad aumentare nonostante la crisi. Vi siete ricordati le buone norme di raccolta differenziata?

Il Natale è passato, Santo Stefano pure, ma le feste non sono ancora finite. In questa atmosfera magica ricca di decorazioni e doni, tra feste e tavole imbandite, tra regali e cenoni, i consumi, per lo più legati ai momenti conviviali, tendono ad aumentare nonostante la crisi. Vi siete ricordati le buone norme di raccolta differenziata?

Ecco di seguito il menù della gestione dei rifiuti durante le feste:

        ANTIPASTI: la confezione cartacea degli affettati e salumi in genere va gettata nell’indifferenziata, perchè si tratta di carta sporca, a meno non sia formata da parti separabili, come carta e plastica, in tal caso i materiali possono essere riposti separatamente nella raccolta differenziata.

          PRIMI PIATTI: la carta da forno, utilizzata ad esempio per le lasagne, è anch’essa destinata all’indifferenziata.

          SECONDI PIATTI: il cotechino o lo zampone come da tradizione. In questo caso, è necessario separare la confezione di cartone dall’involucro che contiene la carne.

          DOLCI: occorre ricordarsi di separare la confezione in cartone dal cellophane che avvolge il dolce, ad esempio il panettone o il pandoro.

In generale vengono prodotti anche altri rifiuti: ad esempio i tovaglioli usati e in generale qualsiasi tipologia di carta o cartone che contenga residui di cibo o che sia ormai sporca va gettata nell’indifferenziata; così come gli scontrini non devono andare nel raccoglitore della carta, ma, trattandosi di carta chimica, dovrebbero essere gettati nell’indifferenziata.

Non buttate invece le carte che contenevano i vostri regali, conservateli, le potrete riutilizzare per incartare a vostra volta altri regali!

Durante le feste non lasciate che vada in vacanza anche il vostro senso di responsabilità verso l’ambiente. Basti pensare che se ogni italiano differenziasse correttamente dal resto dei rifiuti una confezione di panettone, una di pandoro, una di torrone, due scatole di pasta, due giornali, due riviste, due sacchetti e la scatola di un giocattolo – in pratica prodotti che ogni famiglia media consuma durante le vacanze – si raccoglierebbero circa 120.000 tonnellate di carta e cartone, sufficienti ad evitare la costruzione di un’intera discarica di medie dimensioni.

Le presenti indicazioni utili sono state fornite da Comieco.

You may also like...

Iscriviti alla Newsletter!

Iscriviti per non perdere le news di Nonsoloambiente!